Ristorazione, nuova era

Fare ristorazione non è impresa facile, soprattutto nelle grandi città. I dati dell’ultimo rapporto Fipe sull’andamento dei pubblici esercizi in Italia rivelano che il settore continua a crescere (+1,7%), ed è arrivato a 46 miliardi di euro nell’ultimo anno, che salgono a 84 miliardi considerando anche i bar, ma il tasso di mortalità si mantiene elevato: il 25% dei nuovi locali chiude entro un anno e il 57% lo fa nel giro di...

Massa critica per il vino

In Italia ci sono all’incirca 50mila aziende vitivinicole. Un esercito di operatori in lotta per spartirsi un giro d’affari stimato in 13 miliardi di euro, di cui poco più di 6 miliardi derivano dall’export. In media fanno 120mila euro di fatturato estero per azienda. È evidente che con queste dimensioni non si può competere in un mondo dove operano colossi come quelli statunitensi e australiani, dotati di ben altra potenza di fuoco: il...

La crescita inizia in una cucina ‘dark’

La ristorazione sta cambiando rapidamente e da settore fondato sul modello familiare d’impresa si sta trasformando, nelle città che contano, in un sistema con organizzazione evoluta e manageriale. In questo contesto, la concentrazione delle attività è una conseguenza quasi ovvia perché le location costano e rappresentano la principale barriera all’ingresso per gli operatori. Vince chi può permettersi le posizioni migliori ovvero le più costose. L’ingresso dei fondi di investimento come proprietari di brand...

Quel patto stagionale tra hotellerie e ristorazione

Milano sta guidando un processo di cambiamento che porta alle maggiori città italiane e inevitabilmente alle località turistiche estive. La ricerca frenetica, sotto il Duomo, di strutture per realizzare hotel a quattro e cinque stelle è il segnale di un consolidato interesse degli investitori internazionali verso la capitale economica d’Italia e sta determinando la trasformazione di un comparto, quello dell’hotellerie, storicamente dominato nel nostro Paese da piccole realtà di carattere familiare. Ora stanno...

La prossima generazione cambierà il vino

Da qui a dieci anni, il cambiamento nel mondo del vino potrebbe essere più rapido di quanto non sia avvenuto nell’ultimo secolo. I primi segnali si avvertono già negli Usa, dove i trend di consumo hanno premiato due prodotti portandoli velocemente a dominare la scena: si tratta del prosecco italiano e del rosé francese. Sono vini immediati, ideali per aperitivo o per le feste tra amici, in linea con le richieste di nuova...

Healthy fa bene anche al business

La ristorazione vive di trend e quello healthy, emerso con particolare efficacia lo scorso anno, sta spingendo al successo una serie di format collegati, determinando anche un cambio di strategia tra i gruppi più strutturati della ristorazione. L’attenzione per la salute, del resto, è una logica conseguenza dell’incremento del numero di pasti consumati fuori casa, a cui si aggiunge tutta la parte preparata all’esterno e consegnata in casa dai vari operatori del food...

Il marchio dello chef, dopo lo chef

Qualche anno fa sarebbe stato impensabile, e per qualcuno perfino inaccettabile, andare al ristorante stellato e non trovare lo chef in cucina. Oggi, l’esser fuori sede è diventato un fatto piuttosto normale, se parliamo di cuochi presenti nel mercato con più brand e in più continenti come Niko Romito, Chicco Cerea, Heinz Beck e altri ancora, esattamente come lo è da tempo in Francia per Alain Ducasse e lo era per Joël Robuchon....

Il vino non basta più

Con un certo ritardo, il business dell’enoturismo in Italia pare ormai prossimo al decollo, e sono già molte le aziende pronte con i motori accesi. Ma il fenomeno sembra restare fermo sulla pista. Il turismo del vino è un’opportunità notevole sotto ogni punto di vista, dall’impatto sulle vendite e sui margini alla successiva fidelizzazione della clientela; dal potenziamento del brand alla valorizzazione del patrimonio immobiliare. All’interno delle tenute, infatti, i poderi hanno la...

Il magazine che non c’era

L’economia del cibo non è mai stata così importante e, finalmente, l’Italia inizia a giocare la sua partita a livello internazionale. A confermarlo sono i dati, con gli oltre 41 miliardi di export realizzati lo scorso anno nel mondo agroalimentare, all’interno del quale il vino interpreta un ruolo da protagonista per numeri (5,9 miliardi di export) e prestigio. La centralità del settore è rafforzata peraltro dal fenomeno mediatico degli chef e dei programmi...

Pagina 2 di 2 1 2